Immagina Di Essere Altro

Il progetto

Casa editrice per realizzare sogni, ecco chi siamo.

Immagina Di Essere Altro (I.D.E.A) è un progetto editoriale nato dalla passione e dall’entusiasmo di tutto lo staff che lo ha reso possibile. Il nome rappresenta la voglia di immaginarci realizzati nelle professioni che abbiamo scelto per la vita, vedere l’uno nell’altro per sostenere al meglio i rispettivi lavori ed esigenze ma soprattutto la speranza di far viaggiare lettori e osservatori con il nostro operato. Siamo giovani, ricchi di nozioni teoriche e, ammettiamo, inizialmente trasformare tutto in atti pratici non è stata cosa facile ma viviamo i momenti difficili come un’esperienza aggiunta per poter migliorare le nostre capacità e alimentare la passione che ci spinge a proseguire.

Il progetto editoriale non è solo un occupazione ma un’opportunità per diventare professionisti, ognuno nel proprio settore. Abbiamo già imparato molto in questo primo anno di lavoro per la pubblicazione di Le Cronache di Ansorac e soprattutto siamo riusciti a dare senso al nome del progetto. Per noi immaginare di essere altro è stato fondamentale sia per il rispetto delle persone che avevamo davanti, sia per spronarci verso il miglioramento non solo personale ma del gruppo. Avere un obbiettivo comune avvicina ma saper immaginare e mettersi nei panni degli altri è fondamentale per convivere e relazionarsi al meglio.

Immagina Di Essere Altro è per noi un concetto importante, un modo meraviglioso di vedere la vita, di condividere e di puntare in alto. Immaginare, leggendo o vedendo illustrazioni di vario genere, alimenta e arricchisce la vita di ogni essere umano, fa respirare, concede un momento di relax dal mondo frenetico che aspetta fuori dall’uscio, porta cultura e nuove informazioni; questo è ciò che vorremmo dimostrare: l’arte, letteraria o visiva, fa bene all’uomo.

Vogliamo portare avanti questo progetto editoriale non solo per noi stessi ma per trasmettere messaggi e valori importanti a tutti coloro che vorranno seguirci. Condividere, vedere negli altri la possibilità di fare qualcosa di bello, relazionarsi con altre persone per arricchire le proprie esperienze, mettere la fantasia al servizio della realtà e viceversa.


I.D.E.A. Immagina Di Essere Altro è un nome che nasce dalla spinta al sogno, alla vita come noi tutti la vorremmo; si è plasmato praticamente da solo durante il percorso perché per noi è stato vitale immaginare di essere altro e non solo essere un pizzaiolo, una commessa o uno studente. Abbiamo immaginato di essere già le persone che volevamo diventare per poter trasmettere questo messaggio a tutti quelli che hanno parlato di questo progetto con noi.

Immagina Di Essere Altro è un invito a voi che state leggendo, a tutti quelli che acquisteranno il libro; immaginate voi stessi diversi, di essere noi mentre muoviamo passi verso un futuro che non vedevamo o come dei personaggi in un libro che narra una nuova avventura. Siamo tutti esseri umani e come tali abbiamo il diritto di sognare, immaginare e vivere storie meravigliose che ci permettono di accettare la brutale realtà con un sorriso in più.

Fondatore

Biografia e Bibliografia

CHAPTER 1

La mia vita /

( inchiostro, musica e caffè )


Marco D’Abbruzzi nasce a Roma il 1° maggio del 1982. Fin da piccolo fumetti e libri sono amici sinceri e compagni d'avventura che lo conducono nel periodo dell'adolescenza vissuta fra gli accanimenti dei soliti bulli e gli impegni nel sociale.
La scrittura diventa, in quel momento cruciale della vita, uno sfogo personale, il punto d'inizio per un percorso d'introspezione e presa di coscienza che comporterà lo sviluppo della sua spiccata sensibilità e vorace curiosità. Scrivere diventa per lui terapeutico; il modo per mettere in ordine la marea di pensieri, frustrazioni, speranze e illusioni.
Col tempo, le crude esperienze e le notevoli ricerche socio-culturali, la scrittura diventa una costante, un fremito che corre dalla mente alla mano esplodendo sul foglio raccontando non solo se stesso ma soprattutto il mondo che lo circonda.
Questo nuovo modo di vedere e vivere la sua passione favorisce un cambiamento interpretativo nell’utilità dello scrivere che si presenta d’ora in poi non solo come una forma di sfogo ma anche di comunicazione con gli altri.
Questo inaspettato input ha dato origine alla ricerca accurata e personale del suo stile narrativo che rende vivide le immagini descritte e le caratteristiche psicofisiche dei personaggi, aiutando il lettore a entrare senza sforzo nel mondo narrato dai romanzi.

Prende coraggio con lo scorrere del tempo e pubblica il suo primo romanzo, I Cavalieri di Speranza, nel 2007; entra così in contatto con i modi dell’editoria all’italiana studiandone la realtà, le possibilità e gli schemi che da subito gli risultano poco costruttivi per chi vuole vivere d’idee trasformate in realtà. Nel 2010 pubblica la sua seconda opera, Cattivi Ragazzi, e continua a scontrarsi con le problematiche editoriali, prima tra tutte la mancanza di sostegno e successivamente una conseguenziale inconsistenza nel guadagno. Partecipa poi ad alcuni concorsi di poesia e collabora al giornale di un’Associazione culturale.
Mentre si diletta in diversi lavoretti editoriali, e non, continua a scrivere portando a termine nel 2014 la prima stesura della sua saga, Le Cronache di Ansorac.
In quel particolare momento della sua vita affronta molte difficoltà che lo spingono a pensare di cambiare schema per riuscire a realizzare il suo sogno, è così che decide di prendere in seria considerazione l’idea di aprire lui stesso una piccola casa editrice e da inizio al progetto Immagina Di Essere Altro, chiamato amorevolmente tra lo staff “Progetto I.D.E.A”.

CHAPTER 2

Bibliografia /

( libri, scritti e un pò di cuore )


  • 2014 /
    • Le Cronache di Ansorac Ultima opera, saga fantasy di prossima pubblicazione.
    • Realtà Nascoste Dal 2014,collaborazione con Realtà Nascoste, editoriale dell'Associazione culturale TABIT per i detenuti del carcere di San Vittore
  • 2013 /
    • Il Tempo degli Umani Partecipazione al concorso Storie Fantastiche con il racconto Il Tempo degli Umani, inserito nell'antologia Storie Fantastiche Ghiaccio nelle Vene
    • Ghiaccio nelle Vene Partecipazione concorso di poesia con la poesia Ghiaccio nelle Vene, Poetipoesia
  • 2010 /
    • Cattivi Ragazzi Booksprint Pubblicazione della sua seconda opera, Cattivi Ragazzi, romanzo di formazione ambientato nella Roma di fine anni ’90.
  • 2007 /
    • I Cavalieri di Speranza Il Filo Pubblicazione del suo primo romanzo, I Cavalieri di Speranza.

Morale

Un invito alla lettura e all’alterità

Avere un sogno e le capacità per seguirlo non basta; per dare forma a qualsiasi cosa, ma soprattutto alla realizzazione del progetto Avere un sogno e le capacità per seguirlo non è sufficiente. Per dare forma a qualsiasi cosa, ma soprattutto alla realizzazione del progetto della vita, c’è un elemento importantissimo che molti non valutano, non mi riferisco al duro lavoro e alla forza sovrumana per gestire delusioni e piccole perdite o i problemi di natura burocratica e finanziaria nei quali si può incorrere, sto parlando delle persone. Immaginare di essere qualcun altro ha aiutato tutti noi a migliorare per creare qualcosa che non sia solo nostro ma da mostrare al mondo, un mondo fatto di alterità anche se spesso in molti lo dimenticano. L’essere umano è un animale sociale e in quanto tale ha bisogno del sostegno e della condivisione per migliorarsi. Il nostro è stato un gran lavoro di squadra durante il quale ci siamo messi a disposizione di tutti i membri del gruppo per far nascere qualcosa di più grande.

Immagina Di Essere Altro è un invito non solo alla lettura ma all’allargamento degli orizzonti personali verso l’alterità, ognuno può regalare alla propria vita qualcosa di diverso e inaspettato ma se non si guarda intorno non lo saprà mai. Condividere è il modo più umano per migliorare se stessi, arricchirci e arricchire chi è intorno a noi con sogni, valori, esperienze, cultura. È difficile vedere il mondo con una prospettiva diversa dalla propria ma osservando si possono capire tante verità alle quali non avremmo mai creduto. Questo è il nostro valore più grande e l’argomentazione celata e più profonda dei libri di Marco d’Abbruzzi nei quali noi crediamo!

CONTATTACI

Per informazioni o contatti compilare il form

    SOCIAL

    NEWS

  • Benvenuti!

    Benvenuti nella pagina News del progetto editoriale Immagina Di Essere Altro,... »

  • Pubblicazione di Le Cronache di Ansorac!

    Pubblicato il romanzo, primo volume di una serie già conclusa, Le Cronache di... »

  • Ansorac approda a ROMICS!

    Immagina Di Essere Altro è orgogliosa di annunciare l'appuntamento a ROMICS... »

  • PRESENTAZIONE 7LUGLIO!!

    il 7 LUGLIO 2016 presso la rassegna letteraria per scrittori emergenti che si... »

  • ATTENZIONE MANUTENZIONE

    Per motivi di malfunzionamento ci è impossibile caricare i file corretti... »

© 2015 Marco D’Abbruzzi | All Rights Reserved | P.iva 13692031001 | Coded with by Veronica Pieralisi
Member Bio image

Chi è Claudia Cintio

14/09/1988 Roma Editor, Consulente, Public relation claudia.cintio@gmail.com

L’arte come mezzo di comunicazione di valori sentiti e liberi da ogni condizionamento eterodirezionale non solo va incoraggiata ma soprattutto assorbita tramite i sensi. Cosa significa? L’arte per me è il pensiero dell’uomo e tutto ciò che ne deriva tramite l’ottimo utilizzo che potremmo fare della triade mente-occhio-mano, in parole povere: CREARE. La creatività è la base della vita, ci siamo evoluti tramite questa; la nostra curiosità e l’incapacità del cervello di rimanere in uno status passivo spinge l’essere umano alla creazione, all’arte. Che sia cartacea o digitale, bidimensionale o tridimensionale, illustrativa, auditiva o letteraria, l’arte è il mezzo d’eccellenza per trasmettere emozioni, informazioni, valori; essa è la chiave che determina l’unicità del genere umano e il valore del singolo individuo all’interno di una società. Quando dico “valori sentiti e liberi da ogni condizionamento eterodirezionale” parlo invece dell’arte e dell’uomo liberi dagli schemi di una vita che viene dettata da altri. L’artista, che sia scrittore, illustratore o movie-maker, è un essere umano estremamente libero nell’espressione del suo pensiero anche se spesso non coincide con quello della massa; ma allora se non coincide con i più perché bisognerebbe starlo a sentire? La risposta è semplice, genuinità. Ciò che l’artista crea non è influenzato da nessuna regola, è il risultato del movimento mentale, dello studio che parte dal vero, dal reale e si modifica per trasmettere un pensiero agli occhi, alle orecchie e alla mente degli altri tramite la propria fantasia. La sensibilità dell’artista vede un mondo oltre il mondo, la soluzione geniale a problemi di natura comune, il sentimento profondo dietro il silenzio degli altri. Con I.D.E.A Immagina Di Essere Altro spero che molti capiscano il duro impegno nella vita e nel lavoro di noi ragazzi, di noi artisti, che vogliamo trasmettere emozioni, messaggi, valori tramite il nostro operato; dare a chi osserva, legge e ascolta la possibilità di lasciare per un momento lo stress della vita quotidiana, voluto o non voluto, per immaginare di poter essere qualcun altro o di sentire le emozioni altrui e farle proprie; impadronirsi nuovamente della capacità di sognare, di vedere con occhi diversi il mondo, di sensibilizzarsi all’altro.

Close
Member Bio image

Chi è Suwan Cancedda

16/11/1991 Milano Illustratore, Concept-artist yume1991@outlook.it Nawuss  Shanks991

Durante il percorso della mia vita, fin da bambino, non ho mai pensato di possedere qualche dote o talento particolare. Ho sempre lavorato sodo per arrivare a comprendere la mia strada, la grande voglia che ho di imparare, creare e fare mi ha permesso di mettermi in gioco e sperimentare cose nuove senza lasciare da parte la fantasia. Con il termine “fantasia” intendo quella parte di me che racchiudeva in se stessa il potere di scorgere vastissimi mondi da esplorare partendo sempre dall’osservazione della realtà. Questo modo di vedere il mondo, nel tempo, è riuscito ad alimentarsi e crescere sempre più tramite le piccole cose, i gesti semplici e le pratiche quotidiane. Per me la fantasia, ovvero quelle piccole grandi realtà alternative che un bambino riesce a vedere, non dovrebbe mai esser dimenticata dagli adulti che invece potrebbero custodirla come un valore aggiunto nella vita. La tecnologia di cui oggi disponiamo potrebbe essere utilizzata proprio in questo modo; la vedo come un grande mezzo che dovrebbe essere sfruttato per permettere la condivisione delle idee, l’empatia tipica dell’uomo e l’accrescimento dei valori comunitari che invece si stanno perdendo nel tempo. Trovo che in questo periodo invece si stia facendo “cattivo” uso di questa possibilità di progresso che avvolge i più in uno stato d’isolamento che limita la fantasia e la creatività. Come mezzo d’espressione ho scelto l’Arte, in qualsiasi sfaccettatura essa si presenti, e spero, tramite questa, di far arrivare il mio messaggio, il mio pensiero, me stesso a tutti coloro mi daranno la possibilità di mostrarlo. Per me l’illustrazione non è solo un lavoro ma soprattutto un potente mezzo per comunicare empaticamente emozioni.

Close
Member Bio image

Chi è Veronica Pieralisi

07/10/1987 Roma Webmaster veronica.pieralisi@gmail.com

Close
Member Bio image

Chi è Vincenzo Daniele Di Parma

04/01/1991 Taranto Illustratore,Fumettista danielediparma@gmail.com

Sono curioso da sempre verso ogni forma d’arte ma prediligo quelli visive, nello specifico sono un onnivoro consumatore di fumetti. Questa mia passione mi ha portato a scarabocchiare su ogni supporto cartaceo e non. Nel 2013 ho deciso di cercare di trasformare la passione verso il fumetto in un mestiere, e mi sono iscritto alla Scuola Romana dei Fumetti (SRF) che frequento tutt’ora.

Close
Member Bio image

Chi è Marco D'Abbruzzi

1/05/1982 Roma Scrittore mrk-1982@hotmail.it

La scrittura è sempre stata una compagna di vita, un mezzo per poter mettere in ordine i pensieri e sopravvivere a un'adolescenza di vessazioni e incomprensioni. Con il tempo quella marea di domande, dubbi, speranze e illusioni ha preso forma nell'immaginare mondi e storie da cui pian piano ha preso vita la prima storia breve, il primo racconto e via di seguito fino al primo romanzo, seguito da un secondo, un terzo, un quarto... fino alla saga che grazie ai ragazzi del progetto I.D.E.A. ha preso vita, colori, immagini. Chi non ha mai Immaginato Di Essere Altro? Io lo faccio continuamente e da quei pensieri nascono le mie storie con le quali spero di riuscire a trasportarvi su tanti mondi. La mia formazione professionale, se così vogliamo chiamarla, è del tutto estranea alla scrittura; ho frequentato un'istituto Alberghiero e svolto diverse professioni che esulano dalla penna e dal foglio, ma ho sempre mantenuto viva questa passione fin quando ho realizzato che non ero io a tenere viva lei, ma lei a mantenere vivo me.

Close
Member Bio image

Chi è Diana Cintio

05/05/1991 Roma Illustratrice diana.cintio@gmail.com oogalrediaoo

Mi è sempre piaciuto disegnare da quando ne ho memoria. Inizialmente come tuttigliartisti, duranteilperiodo di formazione, cercavo di incentrarmisultratto e sulletecnichetradizionaliperchè ho semprepensatochetornarealleorigini, soprattuttonell'arte, fosse un ottimopunto di partenza per poi sviluppareilproprio stile anche con l'utilizzo di altriprogrammi. Con il tempoinfatti mi sonoappassionataall'artedigitalescoprendoche vi è un vastomondoall'interno di internet chevadall'utilizzo di programmi 2D a quelli 3D. Tutt'ora non negoche mi diverto a cimentarmi in nuoviprogrammi per vederneilpotenziale; man manocheprogredisconelcammino mi rendocontoche non sifiniscemai di impararetecnichenuove e cheglierrori da correggesonounacosanormalissimatantoche, a volte, ho la sensazione di perdermi in questovastissimolago di scoperte. Ciò che mi ha spinto a fare arte, è sempre stato quel desiderio di poter entrare in connessione con ciò che non si vede, infatti una cosa che mi piace moltissimo è cercare di creare sempre dei mondi metafisici ( uno dei miei artisti preferiti non a caso è Dalì), dove il personaggio possa viaggiare e dove ogni singolo oggetto è espressione del suo passato, del suo presente o del proprio futuro. L'arte per me è un ponte, una connessione con l’inconscio, il proprio e dell’osservatore. L'artista in questo senso, non è chi ha la tecnica più affinata( quella con il tempo si impara) ma colui che riesce a esprimere e realizzare qualcosa che possa far nascere un' emozione agli altri. Quando disegno ho sempre la costante sensazione che io sia lo strumento che veicola l'opera e non viceversa; per questa ragione cerco di migliorare giorno dopo giorno, per riuscire a esprimere l'opera con la tecnica giusta senza rischiare di rovinarla con la mia inesperienza. Spesso e volentieri l'arte mi ricorda i bellissimi mondi che ci sono dentro ognuno di noi, sono vastissimi e permettono a noi artisti di visitarli rimanendo su una sedia. Personalmente sonofelice di non smettere mai d’imparare. Scoprire cose nuove tiene la fiamma accesa e mi fa sentire come un viandante che viaggerà per sempre dalla propria sedia.

Close
Member Bio image

Chi è Alessandro Grillea

30/12/1991 Roma Illustratore alessandrogrillea@hotmail.it Alessandro Grillea

Quando mi hanno chiesto di scrivere una riflessione personale mi è subito venuto da ridere, timido come sono ho sempre preferito trasmettere e propormi tramite il disegno, mai con le parole. Sono da sempre un patito di cinema, video giochi, fumetti...insomma tutto ciò che può essere chiamato "Arte visiva". La mia passione per l'illustrazione e il successivo cammino nel mondo dell'immaginazione non sono dovuti a una sola causa scatenante ma tutto ciò che vi ho elencato fin ora ha sicuramente aiutato. Il progetto Immagina Di Essere Altro mi ha trasmesso positività, ho pensato potesse essere un modo meraviglioso di condividere e crescere insieme ad altri giovani artisti (visivi e letterari), mi sono detto: e perché no? Così ho deciso di buttarmi e collaborare per creare tutti insieme qualcosa di unico e diverso. Darci una possibilità nel mondo.

Close
Member Bio image

Chi è Eva D'Amico

15/05/1991 Roma Scrittrice eva.damico15@gmail.com

Scrivere per me è sempre stato un bisogno primario, come respirare o mangiare; per anni ho coltivato anche altre attività artistiche, cercando in ogni direzione il modo per esprimere al meglio i moti della mia anima. Solo una volta maturata come persona ho capito che la scrittura è la mia strada, il modo più naturale per esprimermi. Attraverso la stesura di un romanzo riesco non solo a dar voce a tutto ciò che ho dentro ma anche a vivere numerose esperienze di crescita personale: entro in contatto con personaggi che non comprendo affatto (anche se nascono dalla mia immaginazione non sempre ci capiamo!) e questo mi costringe ad assumere punti di vista per me totalmente alieni, il che mi spinge a riflettere e ad aprire la mente. Ogni personaggio, in tal modo, si configura come una sfida: capirlo, immedesimarmi anche se siamo totalmente diversi, comprenderne le scelte per poi capire dove si trovano il bene e il male nelle sue azioni e perché. Vorrei che anche i miei lettori vivessero questa stessa esperienza, che anche loro vivano la vita dei personaggi più diversi e in tal modo siano spinti a riflettere e ad aprire la mente. La letteratura, a mio parere, ha un solo scopo: arricchire le persone, sia autori che lettori, ed è per questo che scrivo.

Close